Cenni storici

Asolo è centro abitato fin dall’epoca preistorica e in seguito un importante insediamento dei Veneti, grazie alla sua posizione favorevole e alla felicità del clima.

Sotto il dominio romano attraversò un periodo di grande crescita, divenendo municipium romanum. Gli scavi archeologici documentano la presenza di Terme, di un acquedotto, un foro e un teatro che segnalano l’importanza del centro. Tra XI e XIV secolo la città è sotto il giogo di diverse potenti famiglie, ma è a partire dal ‘300 con la dominazione veneziana che la città entra in una fase di grande splendore. Nel 1489 Caterina Cornaro, ex regina di Cipro fu investita della Signoria di Asolo e diede vita a una sfarzosa corte rinascimentale di artisti, letterati e poeti, lasciando un’indelebile impronta nell’arte e nell’ideale stesso della città. Oltre ad arricchire urbanisticamente e culturalmente la città, la regina porta anche le viti del Malvasia, vitigno ora pienamente consolidato nel gusto dei vini bianchi.
Con il declino della Serenissima Asolo fu abbandonata, la città però mantenne intatto il suo paesaggio.

A metà ‘800 le amenità del luogo attirano un gran numero di intellettuali, soprattutto stranieri. Sarà Robert Browning, il poeta inglese, che passeggiando in lungo e in largo su questi colli porterà alla riscoperta di Asolo che diviene meta di artisti che contribuirono a far conoscere il nome di Asolo. Fondamentale da questo punto di vista fu la figura di Freya Stark , che a piedi visitò ogni luogo del territorio asolano.


LA VILLA

La villa sorge sulla collina, in una posizione panoramica, sotto la Rocca della nota cittadina medievale di Asolo. Da qui si può godere di una vista spettacolare sulla pianura circostante, dove nelle giornate limpide si possono scorgere i Colli Euganei e in lontananza Venezia.

ASOLO

Asolo è la perla del Veneto. Una visita in questa incantevole cittadina medievale permette di conciliare il gusto per la storia e la cultura con i piaceri della buona tavola e la scoperta di un artigianato rinomato.

© 2017 Il Galero - All Rights Reserved.