Per gli amanti dell’arte e della cultura

Tra la fine del XV e il XIX secolo il territorio Veneto ha visto il sorgere di numerose caratteristiche residenze storiche, le cosidette "Ville venete", ad opera del patriziato della Repubblica di Venezia. Le Ville Venete costituiscono oggi un patrimonio storico artistico unico, tant'è che le Ville Palladiane, opera dell'architetto Andrea Palladio, sono oggi iscritte nell'elenco dei patrimoni dell'umanità Unesco.
Le ville dislocate nelle campagne venete offrono una considerevole varietà di forme e dimensioni con una ricca gamma tipologica che scaturisce dall'evoluzione cronologica, dall'adeguamento a differenti situazioni ambientali e dalle differenti possibilità economiche del committente stesso.
Vi proponiamo alcune tra le più belle ville Venete visitabili dal pubblico :

  • Cà Marcello, costruita nel ‘500 ad opera di Andrea Marcello, è uno splendido esempio di villa veneta ancor oggi mantenuta dalla nobile famiglia veneziana dei Marcello. È possibile visitare la villa in compagnia del proprietario.
  • Villa Contarini, una delle più grandi ville venete. Costruita sulle strutture di un castello trecentesco, la villa risale alla metà del’500, ma il magniloquente aspetto barocco che caratterizza l’edificio è esito di un intervento tardo seicentesco voluto da Marco Contarini. Oggi il complesso è di proprietà della Regione e la Villa rivive grazie alle varie iniziative a sfondo culturale che vi sono organizzate.
  • Villa la Rotonda, villa palladiana costruita su commissione per monsignor Paolo Almerico intorno al 1570 e completata dai fratelli Capra. Dal 1911 è di proprietà della famiglia Valmarana che l’ha aperta al pubblico dal 1986. Si tratta di uno dei più celebri ed imitati edifici della storia dell’architettura dell’epoca moderna.
  • Villa Valmarana ai nani, situata a pochi passi dalla Villa la Rotonda è celebre per lo straordinario ciclo di affreschi di Giambattista Tiepolo e del figlio Giandomenico.
  • Villa Emo Capodilista, Villa progettata come ritrovo di caccia dall’architetto e pittore Dario Varotari, allievo del Veronese nel 1568. La villa appartiene ancora oggi alla nobile famiglia che la commissionò.
  • Villa Foscarini Rossi, Villa che fu costruita nel ‘600 da un probabile progetto di Francesco Contini su commissione della famiglia Foscarini che voleva una residenza che esprimesse l’importanza del casato. È sede del museo Rossimoda della calzatura.
  • Museo nazionale di Villa Pisani, denominata “la regina delle ville venete”, copre una superficie di 15.000 metri quadrati. Alla base si trattava di una semplice costruzione tardo cinquecentesca, rammodernata nel ‘600, ma è nel 1721 che prese forma la maestosa villa su progetto di Gerolamo Frigimelica e Francesco Maria Preti per la nobile famiglia veneziana dei Pisani. Oggi è museo nazionale che conserva arredi e opere d’arte del ‘700 e ‘800 tra cui il capolavoro di Gianbattista Tiepolo “Gloria della famiglia Pisani”, affrescato sul soffitto della maestosa Sala Da Ballo. Sono anche ospitate grandi mostre di arte antica, moderna e contemporanea.
  • Villa Foscari, villa palladiana progettata nel 1559 per i fratelli Nicolò e Alvise Foscari. Gli interni sono decorati con affreschi allegorici di Gian Battista Zelotti.
  • Villa Widmann Foscari, probabilmente opera del progettista veneziano Andrea Tirali che li realizzò nel 1719 per i Seriman, una famiglia di nobili veneziani di origine persiana. L’edificio è internamente decorato da affreschi e stucchi, con soppalco al primo piano, secondo l’impostazione delle sale da ballo delle ville venete. Oggi è sede dell’azienda di promozione turistica e ospita mostre ed eventi culturali.
  • Villa Manin, il complesso monumentale è edificato a partire dal’500 su commissione della famiglia Manin, che si basa sul modello di Versailles per creare un emblema della grandezza e della potenza della famiglia. È conosciuta soprattutto per essere stata la casa di Ludovico Manin, l’ultimo doge di Venezia e per essere stata la dimora di Napoleone Bonaparte per due mesi, quando condusse la fase finale della campagna contro lo stato Veneto. La villa è oggi sede di una mostra permanente di collezione d’armi da fuoco medioevale e un piccolo museo delle carrozze e inoltre ospita grandi mostre temporanee d’arte moderna.

È possibile effettuare la visita alle Ville Venete dislocate lungo la Riviera del Brenta grazie al burchiello, una storica imbarcazione che partendo da Padova o da Venezia vi permette di godere di una navigazione tra arte e storia.

Non citiamo gli innumerevoli e splendidi musei e altri luoghi di interesse culturale, che dovrebbero essere qui costretti a un’ingiustificata selezione. Nel caso sia di vostro interesse, sapremo soddisfarvi nella vostra ricerca.

LA VILLA

La villa sorge sulla collina, in una posizione panoramica, sotto la Rocca della nota cittadina medievale di Asolo. Da qui si può godere di una vista spettacolare sulla pianura circostante, dove nelle giornate limpide si possono scorgere i Colli Euganei e in lontananza Venezia.

ASOLO

Asolo è la perla del Veneto. Una visita in questa incantevole cittadina medievale permette di conciliare il gusto per la storia e la cultura con i piaceri della buona tavola e la scoperta di un artigianato rinomato.

© 2017 Il Galero - All Rights Reserved.